lunedì 22 febbraio 2010

Mazzaro IGT Puglia da agricoltura biologica


Il Mazzaro è tra i miei vini preferiti, è un vino rosso prodotto dall'azienda Colli della Murgia di Gravina in Puglia che opera in regime di agricoltura biologica.
Io prediligo i prodotti da agricoltura biologica sopratutto quando sò che l'azienda opera davvero in regime di agricoltura biologica, così come fà Colli della Murgia, il proprietario è un mio caro amico, nonchè fornitore, in quella azienda ci vado molto spesso, mi piace scambiare 2 chiacchiere con Franco, mi piace vedere dal vivo le operazioni svolte in cantina, mi piace vedere con i miei occhi la sua dedizione al lavoro e all'agricoltura biologica.
L'agricoltura biologica per lui è uno stile di vita, non una certificazione da apporre in etichetta, Franco non ha i vigneti che si vedono nelle più classiche delle foto pubblicitarie, quelli pulitissimi, senza erbe tra i vari filari, no, lui le erbe le semina perchè ci tiene a ricreare la biodiversità in vigna che aiuterà le viti, insieme ai micro organismi che proliferano in un simile ambiente, ad autodifendersi dagli attacchi dei patogeni della vigna, evitando così, l'uso dei pesticidi.

A proposito di pesticidi... è di questi giorni la notizia di un ricercatore spagnolo che avrebbe provato il collegamento tra il morbo di Parkinson e appunto i pesticidi, infatti parrebbe che il Parkinson inizia dalle cellule nervose dell'intestino per poi migrare nel sistema nervoso centrale la cui causa sarebbe da attribuire ai pesticidi.

Veniamo al Mazzaro IGT Puglia prodotto da Colli della Murgia, è un vino prodotto da uve Aglianico con un tocco di Cabernet Sauvignon, affinato in tonneaux per 12 mesi.
L'aglianico è un vitigno particolare che o si ama o si odia, un grande vitigno, intendiamoci, ma che non a tutti può piacere per via dei suoi tannini, talvolta irruenti se non adeguatamente ammorbiditi dall'uso sapiente della barrique. Colli della Murgia ritiene che l'uso della barrique omologhi molto i prodotti oltre al fatto che snaturi la tipicità del nostro vino. La barrique - dice Franco - è francese, noi (italiani) abbiamo da sempre usato le botti grandi, perchè dovrei produrre un vino che per lo più sà di legno come tutti gli altri? Ormai abbiamo capito quali sono i sentori di un vino che passa in barrique, io voglio che nei miei vini si senta il profumo del vino, non del legno!

Come dargli torto...il Mazzaro è un corposo vino rosso, con un possente tasso alcolico (14°) che può sostenerlo per lunghi anni di invecchiamento, di colore rosso rubino intenso, dopo un'adeguata ossigenazione sprigiona notevoli e complessi profumi: amarena (classico sentore dell'aglianico), confetture di frutti di bosco, viola, appena accennati i sentori di cuoio, tabacco e cioccolato.
Al palato è eccezzionale, una struttura imponente, caldo, pastoso, muscolare ma con un tannino ammorbidito dalla presenza del Cabernet e dalla permanenza in botti di rovere di Slavonia, finale elegante, molto persistente.

Nell' enoteca online disponibili ancora un'pò di bottiglie dell'annata 2005.
Related Posts with Thumbnails