martedì 22 novembre 2011

Puer Apuliae 2004 Rivera - Castel del Monte doc

L'azienda vinicola Rivera è una delle aziende con la più lunga tradizione di Puglia, in attività sin dagli inizi del '900, ad oggi sono arrivati con l'ingresso di Sebastiano De Corato, alla quarta generazione di viticoltori.
Quello che cercherò di raccontarvi oggi è la punta di diamante della produzione vinicola di Rivera, il Puer Apuliae che insieme al Falcone, Lama di Corvo e al Cappellaccio costituiscono i Cru dell'azienda.

Ho apprezzato un Puer Apuliae del 2004, vino prodotto da 100% uve Nero di Troia, cosa di per sè abbastanza rara da trovare poichè questo vitigno è alquanto "ostico" da vinificare e proporre in purezza, ostico perchè ha caratteristiche di ruvidità difficilmente riscontrabili in altri vitigni, a maggior ragione il Puer Apuliae risulta essere una sfida vinta.

Si presenta con un colore viola impenetrabile con un unghia appena aranciata.
Dopo necessaria ossigenazione il vino spalanca le sue porte ai profumi di frutta rossa passita, ciliegie, ribes rosso, prugne, e nobili sentori speziati donati dal passaggio in barrique.
In bocca è potenza allo stato puro, muscoloso, nerboruto, possente. Con mia grande sorpresa i tannini si sentono ma senza essere invadenti e predominanti, anzi alquanto morbidi, il riposo in barrique è riuscito a domarli. Il finale è abbastanza lungo e si chiude su note di frutta speziata, cuoio, tabacco, amarena...

L'abbinamento ideale non può che essere sui saporiti piatti della tradizione gastronomica pugliese, arrosti di carne rossa e primi piatti succulenti.

mercoledì 2 novembre 2011

I Vini del Natale 2011, consigli per bere bene

Natale è ormai alle porte, è il caso di iniziare a pensare ai regali e alle varie abbuffate, pranzi e cene, che a breve si sprecheranno.
Presenza importante dei momenti conviviali natalizi è certamente il vino, collante vero e proprio tra i vari cibi, talvolta vero segno distintivo del momento festivo e goliardico.
Di seguito vi consiglio 3 diversi vini per il Natale 2011.

Erbaceo 2010 Colli della Murgia - vino bianco ottenuto da uve biologiche 50% Greco di Tufo e 50% Fiano Minutolo, il nome non potrebbe essere più azzeccato per questo vino bianco, descrive al meglio le caratteristiche del vino. Sia al naso sia al gusto sono netti i sentori di erba fresca sfalciata, di brina mattutina. Fresco e sapido, perfetto da accompagnare a piatti a base di pesce e come aperitivo. Da tantissimi è ritenuto il miglior vino bianco di Puglia. Costo inferiore a € 10.




La Sfida doc 2005 Bonifacio - Aglianico del Vulture in purezza, vitigno questo, ritenuto tra i 5 più importanti d'Italia, non a caso chiamato anche il "Barolo del Sud" per via delle molteplici affinità dei vitigni Aglianico e Nebbiolo. Grande corpo e struttura per questo Aglianico del Vulture DOC maturo, un anno in barriques nuove, e tanto riposo in bottiglia. Profumi di frutta rossa matura, su tutti spicca l'amarena. In bocca è potente ed equilibrato, ribes, amarene, carrube e tabacco. Finale piacevolmente amarognolo. Da abbinare a piatti molto succulenti, pasta al forno e arrosti di carni rosse. Si acquista con meno di € 15




ES 2009 Gianfranco Fino - Primitivo di Manduria in purezza, più che un Primitivo è IL Primitivo, notizia di pochi giorni fà, questo vino è stato eletto pari merito con il Sassicaia 2008, il miglior vino d'Italia, dato emerso dall'incrocio delle 6 migliori guide del vino italiane.
Basterebbe già questa notizia ad avvallare la mia idea che un degno pasto Natalizio si debba degnamente concludere con il Primitivo ES di Gianfranco Fino, ma vado oltre e provo a raccontarvelo.
Polposità estrema, fruttosità intensa e pur sempre elegantissimo, ciliegie, more e amarene che pian piano lasciano spazio ad elegantissime spezie nobili, dolce finale lunghissimo. Potenza e charme insieme in un connubio senza pari. Indimenticabile. Da abbinare a piatti della tradizione pugliese ma anche da solo a fine pasto, da meditazione. Prezzo di poco superiore ad € 35
Related Posts with Thumbnails